Il futuro arriva. Lentamente, ma arriva.

12 giugno 2008

Innumerevoli film, libri, fumetti, cartoni animati ci raccontano il nostro futuro.

E’ divertente vedere come quelli che raccontano del futuro prossimo, cyberpunk soprattutto, sono spesso in ritardo coi tempi e vengono superati da una realtà che si rivela più “fantastica” di quella ipotizzata dagli autori.

Come diceva Gibson, nessuno degli scrittori del genere cyberpunk che hanno provato ad immaginare la matrice era riuscito ad immaginare l’avvento di Internet e le sue conseguenze, scientifiche e sociali. I telefoni cellulari che abbiamo a disposizione oggi sono più avanzati di molti degli strumenti a disposizione degli equipaggi di una Enterprise qualsiasi.

Ogni tanto appaiono notizie che ci mostrano che il futuro è adesso. Ecco le ultime due che ho trovato.

La IDENTIGENE sembra una forma di marketing virale per qualche film o libro. Invece è tutto vero. Vendono kit economici per analisi del DNA, i loro prodotti si trovano nelle farmacie, accanto ai test di gravidanza. Il kit contiene solo gli attrezzi per prelevare il materiale genetico, l’analisi vera e propria viene svolta dai laboratori della compagnia. Ma intanto è un altro passo verso Gattaca.

Il New York Times racconta di come in India stiano sorgendo delle arcologie, complessi di edifici cheHamilton Court, India formano una città autosufficiente, spesso con reti elettriche e idriche separate da quelle della zona in cui sorgono, protette da mura e servizi di sicurezza privati. All’interno vivono i rappresentanti della nuova upper middle class indiana. Nelle città o paesi che si ammassano all’esterno di questi complessi vivono le classi povere, che sopravvivono in pessime condizioni lavorando come camerieri o badanti per gli abitanti delle arcologie. Nonostante si trovino a pochi metri gli uni dagli altri, gli abitanti di arcologie e paesi vivono in due mondi completamente differenti.

Molti pensano che per vedere quello che noi riteniamo fantascienza entrare nelle nostre vite di tutti i giorni sia necessario aspettare una singolarità tecnologica.

Forse questo è vero per gli aspetti più appariscenti della fantascienza: nanotecnologie avanzate, intelligenze artificiali, viaggi nello spazio. Ma dal punto di vista culturale, e per molti aspetti anche scientifico, il futuro è adesso. A volte, anche ieri.

Nessun commento

Rispondi