I Cavalieri Templari fanno causa al Vaticano

4 agosto 2008

Uno dei simboli dei TemplariOk, questa è forte. I discendenti dei Templari fanno causa al Vaticano. Lo so che ci sono un sacco di altre notizie che vi potrebbero interessare. Potete andarvele a leggere su altri siti. Io non posso resistere alle notizie curiose. Soprattutto quando sembrano uscite da un libro di Terry Pratchett. Adoro quando la realtà supera la fantasia.

E’ inutile che vi racconti la storia dei Templari.
No, forse sarebbe molto meglio se lo facessi, visto che è possibile che molta della gente che gira su Internet la conosca solo attraverso il Codice Da Vinci. In estrema sintesi, i guai grossi i Templari li hanno passati solo in Francia. E manco tutti, solo quelli che non hanno abiurato. Nel resto d’Europa hanno semplicemente cambiato nome e continuato come prima. Quindi: è sparito l’ordine, ma i membri sono rimasti. Per i dettagli usate Google o Wikipedia, poi tornate qui.

Secondo articoli apparsi sul Daily Telegraph e sul Register, i Templari intendono chiedere al Vaticano di essere reintegrati del loro buon nome. E già che ci siamo, anche dei beni che gli furono espropriati, per un valore di parecchi miliardi di euro. Per portare avanti le loro richieste hanno depositato un’azione legale in Spagna contro Benedetto XVI. Il loro scopo non è quello di causare il collasso economico del Vaticano, ma solo di vedere ristabilita la reputazione dell’Ordine.

La causa si basa sulla scoperta avvenuta nel 2002 di alcuni documenti, chiamati la Pergamena di Chinon, che dimostrerebbero che Clemente V cercò di salvare i Templari dalle macchinazioni di Filippo IV, affermando che non erano eretici e che l’Ordine poteva essere riformato e salvato dalle accuse che gli venivano mosse. Ma vista la determinazione del re di Francia, il papa decise alla fine di lasciarli al loro destino.

In casi come questi c’è solo una cosa da fare: mettersi comodi, munirsi di pop corn e aspettare che gli eventi facciano il loro corso.

Adoro quando la realtà supera la fantasia!

4 commenti

  • Americajin 6 agosto 2008a1:19

    Questo e’ un notizione…
    per un attimo temesse che il motivo della causa non fosse la pergamena di chinon, ma la visione di The Da Vinci Code… 🙂

  • ancos 6 agosto 2008a11:48

    Curiosamente giornali e telegiornali mainstream non hanno dato la notizia, anche se gira su parecchi siti di comunicati stampa italiani. Neppure Repubblica.it, che in genere con queste cose ci va a nozze.
    Io continuo a mangiare popcorn e attendere pigramente gli sviluppi.

    Su Slashdot c’è una lunga discussione in corso. Ma è estate anche lì e la flamewar stenta a partire.

    Il Codice Da Vinci non l’ho visto. Più precisamente: ho evitato di vederlo 😛

  • BACo 6 agosto 2008a15:47

    Letto solo ora, scusate!
    Questa si che fa ridere. Inutile dire che tifo i templari!
    In italia qualunque cosa che possa sembrare essere contro il vaticano non si riesce a pubblicare.

    Bah

  • leonardo cortomaltese 8 agosto 2008a3:35

    Che piacere leggere queste notizie.
    Il vaticano deve pagare i danni e questi sono minimi di fronte a tanti nella storia ad oggi.
    Attendo gli sviluppi e viva internet libero in culo ai cinesi .
    Non andiamo a vedere i loro giochi su internet
    gli unici a ammessi da loro
    E no
    NON PASSA BRUTTO SEGNALE.
    E viva i templari abbasso il vaticano tutto.
    Ciao
    Leonardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *