Scott Pilgrim Vs. The World

Scott Pilgrim
Scott Pilgrim

Scott Pilgrim è una serie a fumetti scritta e disegnata dal fumettista canadese Bryan Lee O’Malley, da cui è stato tratto il film Scott Pilgrim Vs. The World. Racconta la storia di Scott Pilgrim, un pigro, ingenuo, videogiocatore, suonatore di basso di Toronto, che si innamora della misteriosa Ramona Flowers. Ramona ricambia i suoi sentimenti, ma lo avverte che potranno stare insieme solo se Scott riuscirà a sconfiggere in combattimento i suoi sette malvagi ex.

La storia si dipana per sei volumi. Ogni volumetto è in bianco e nero, con qualche raro inserto a colori. Il disegno e lo stile narrativo sono influenzati dai manga. “Influenzato dai manga” per molto tempo voleva dire che il disegnatore occidentale provava a disegnare in stile manga, ottenendo un risultato a metà tra il tratto europeo e quello giapponese. Insomma, in sintesi, disegnato male. Non è il caso di O’Malley: il suo tratto è una sintesi personale e originale, che gli permette di esprimere le complicate emozioni che provano i suoi personaggi con pochi convincenti tratti e di rendere le scene d’azione fluide e dinamiche. I volumi sono usciti al ritmo di uno all’anno, dal 2004 a oggi. E’ eccezionale la progressione di O’Malley, di volume in volume è sempre più sicuro nel tratto, sempre più bravo nella sceneggiatura. Il modo in cui padroneggia la narrazione sequenziale farebbe felice Will Eisner.

Anche se la premessa della storia è “Scott deve combattere contro gli ex”, le scene d’azione e combattimento sono relativamente poche. I volumi hanno dalle 168 alle 216 pagine e la maggior parte del tempo è dedicata a seguire la vita quotidiana di Scott e dell’ampio cast: il coinquilino di Scott Wallace Wells, Ramona, i membri della band in cui suona Scott, i Sex Bob-omb e molti altri amici e parenti.

O’Malley mescola bene la storia delle amicizie e delle relazioni tra personaggi con la trama principale della lotta contro i malvagi ex. L’ambientazione è bizzarra: una Toronto contemporanea rappresentata in maniera realistica, in cui però superpoteri, robot, ninja, pony express che utilizzano passaggi dimensionali e tante citazioni dai più popolari videogiochi sono del tutto normali. La facilità con cui vengono miscelati in modo convincente e appassionante elementi da soap opera ed elementi fantastici ricorda il miglior Chris Claremont dei tempi di X-Men.

scott_pilgrim_3_500Dalla serie a fumetti è stato tratto un film, Scott Pilgrim Vs. The World, che uscirà negli USA il 13 agosto e da noi il 19 novembre. La regia è di Edgar Wright, regista de L’Alba dei Morti Dementi (Shaun of the Dead) e Hot Fuzz. Il protagonista è Michael Cera, già visto in Arrested Development – Ti Presento i Miei. Il film riprende l’atmosfera pop e da videogioco del fumetto. Wright ha collaborato con O’Malley per assicurare ai fan una fedele trasposizione del fumetto.

Il finale del film è un po’ diverso da quello del fumetto. Quindi se avete già letto tutto il fumetto, potete vedere il film. Se avete già visto il film, potete ancora leggere il fumetto, nel quale i personaggi di contorno sono più sviluppati e hanno più spazio rispetto a quanto visto nella pellicola, per ovvi motivi di tempo. Qui potete leggere la recensione del film di Scott Pilgrim scritta da Vincenzo.

Fin qui le notizie. Ora consentitemi un’opinione personale. Scott Pilgrim è una figata pazzesca. Davvero. Non capisco perché stiate leggendo questo post, quando potreste catapultarvi in fumetteria e comprare i fumetti adesso. Adesso!

I volumi usciti sono Scott Pilgrim’s Precious Little Life, Scott Pilgrim Versus The World, Scott Pilgrim and the Infinite Sadness, Scott Pilgrim Gets It Together, Scott Pilgrim vs the Universe e Scott Pilgrim’s Finest Hour. Li ho divorati nel corso di una notte, semplicemente non potevo smettere di leggere. Ho alternato momenti di commozione ad altri in cui ridevo fino alle lacrime, emozione, divertimento, riflessione. Altre risate.

Se non sapete l’inglese, i primi quattro volumi sono stati tradotti in italiano dalla Rizzoli Lizard: Scott Pilgrim. Una vita niente male, Scott Pilgrim contro il mondo, Scott Pilgrim e l’infinito sconforto, Scott Pilgrim torna in pista. A breve dovrebbero arrivare anche gli ultimi due volumi: Scott Pilgrim. Contro l’universo e Scott Pilgrim. L’ora della verità.

I personaggi vengono presentati con tag da videogioco. Ogni tanto Scott raccoglie un power up e sembra del tutto normale che appaiano vite extra in mezzo alla strada. Il sistema educativo viene visto come il livellamento di un personaggio in un gioco di ruolo (“non posso usare lo skateboard di mithril, non ho preso l’abilità in quinta elementare”). Gli ex sconfitti esplodono in nuvole di fumo, lasciandosi dietro monete e oggetti, come in Super Mario. E’ tutto geniale. Non entravo così in trip per un fumetto dai tempi di Sandman.

In attesa del volume conclusivo, guardo e riguardo il trailer di Scott Pilgrim Vs. The World e sto giocando con tutti i giochini disponibili, come l’avatar creator. Non arriverò al punto di comprare una PlayStation per giocare col videogioco, ma sono stato tentato.

Scott Pilgrim di Bryan Lee O’Malley. Sul serio, leggetelo. Se è sangue quello che scorre nelle vostre vene e un cuore quello che batte nel vostro petto, non potrà non piacervi.

Ecco il trailer internazionale di Scott Pilgrim Vs. The World

Una risposta a “Scott Pilgrim Vs. The World”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *