Recensione di Yattaman The Movie

2 agosto 2010

yatterman_2_1bAggiornamento: il film è stato doppiato in italiano e distribuito al cinema! L’abbiamo visto ed ecco la recensione di Yattaman Il Film.

Quanti anni avete? Io 38 e la prima ondata di cartoni animati giapponesi in Italia l’ho vissuta tutta. Ci sono serie che si sono viste una volta e poi sono sparite. Yattaman saranno trent’anni che lo vedo in giro su qualche TV locale. L’animazione è datata e gli episodi sono ripetitivi, quindi, magari, non gli avete prestato attenzione. Ma in Giappone questa serie comica va ancora forte e nel 2009 è stato realizzato un film dal vivo tratto da questo anime.

Avevo già accennato all’esistenza di questa pellicola quando era ancora in lavorazione, nell’articolo sui film tratti da anime e manga. Poi ne ho riparlato quando sono uscite le prime recensioni. Io l’ho visto un po’ di tempo fa e ora trovo il tempo di scrivere le mie impressioni.

Yattaman fa parte delle Time Bokan Series, un ciclo di serie TV realizzato dalla Tatsunoko in cui si ritrovano più o meno sempre gli stessi temi e gli stessi personaggi. La prima di queste serie è Time Bokan del 1975, l’ultima è Yattaman Seconda Serie, del 2008. In mezzo molte altre e in Italia si sono viste anche Calendar Man e I Predatori del Tempo. La serie di Yattaman da cui è tratto il film è la seconda del ciclo, datata 1977.

Gli episodi di Yattaman (e in generale delle Time Bokan Series) sono più o meno tutti uguali: Il dottor Dokrobei vuole diventare il re dei ladri. Per riuscirci ha bisogno della pietra Dokrostone, divisa in tre pezzi nascosti in giro per il mondo. In ogni episodio incarica il Trio Drombo, formato dalla bella Miss Dronio, dal geniale Boyakky e dal forzuto Tonzula, di recarsi in qualche luogo ispirato a qualche fiaba, leggenda o evento storico, per recuperare un pezzo della pietra. Dopo un po’ di scene legate al tema della puntata, il trio viene affrontato e battuto dai due Yattaman, che abbattono il robot dei tre ladri grazie ai mini robot costruiti dal loro Yatta-veicolo.

Nell’articolo sulla serie TV di Yattaman di Wikipedia trovate la trama tipica degli episodi raccontata in maggior dettaglio e una lista dei veicoli.

Perché, vi chiederete voi, per recensire il film bisogna descrivere un episodio tipo della serie? Perché il film è identico, ma proprio identico, a una puntata della serie tv di Yattaman. Anzi, a tre episodi consecutivi. C’è qualche modifica alla storia di base per riassumerla tutta in un solo film, vengono introdotti dei personaggi assenti nella serie, il trio Drombo utilizza tre mezzi in tre combattimenti successivi. Ma a parte questo, il regista Takashi Miike ha realizzato una trasposizione perfetta dall’anime alla pellicola. Perfetta anche dal punto di vista visivo: gli effetti cartooneschi e i colori saturi e vivaci rendono perfettamente l’idea di un cartone animato portato alla realtà.

Il film a me è piaciuto, ha richiamato tutti i punti fondamentali della serie e mi ha ricordato tutti i motivi per cui mi piaceva. Però ha dei problemi. Il maggiore è che essendo praticamente un lungo episodio della serie TV, non piacerà a chi non piaceva il cartone animato. E potrebbe non piacere a chi non apprezza la comicità demenziale, che è il cavallo di battaglia delle Time Bokan Series.

Un altro problema è la noiosa passività degli Yattaman. E qui è necessario chiarire una cosa. Anche se le serie TV hanno il nome del gruppo di buoni, sono i cattivi i veri protagonisti delle Time Bokan Series. Come nell’anime, anche nel film il grosso dell’attenzione si concentra sul Trio Drombo. Se però nella serie gli Yattaman avevano poco screen time, ma erano personaggi validi, qui sono molto passivi: ogni loro azione è una reazione a qualcosa di esterno, le loro vittorie arrivano più per caso che per vera abilità. Come antagonisti sono deboli e questo indebolisce tutto il film.

Yattaman the Movie non è un film eccezionale, ma è una fedele trasposizione di una serie TV, a sua volta non eccezionale, ma sempre gradevole e divertente. Se siete cresciuti vedendo questo cartone animato, fatevi un favore e guardatelo. Magari insieme ad altri amici, con cui condividere birra, patatine e trip nostalgico. Se non conoscete l’anime, vale la pena vedere questo film più che altro come curiosità. Se vi piace il cinema giapponese, sappiate che il regista è il versatile Takashi Miike, in grado di passare da pellicole cupe e ultraviolente a questa commedia demenziale e colorata.

Ecco il trailer di Yattaman The Movie.

E per fare il confronto, la sigla italiana della serie TV

4 commenti

  • Vincenzo Bruni 6 agosto 2010a15:00

    Non posso non concordare. Miike è di una versatilità impressionante.

  • Beppe Domani 11 dicembre 2010a13:17

    Finalmente arriva doppiato e adattato in ITALIANO nei cinema nel 2011!
    Il fan club italiano newbokan.net ha notizie in esclusiva e collaborerà alla promozione e adattamento del film.
    http://www.newbokan.net/index/index.php/category/bokanologia/yattaman-the-movie/

    • ancos 11 dicembre 2010a12:21

      Ciao. Ottima notizia! E complimenti per essere stati coinvolti nel progetto. Da troppo tempo le produzioni di genere soffrono di pessime traduzioni e adattamenti. Fa piacere vedere che per questo film sono stati coinvolti dei veri fan.

  • Alberto dolci 3 marzo 2011a12:23

    e’ un film girato in giappone… perche doveva avere attori non giapponesi? mi sembra che anche nei film girati in italia noi usiamo atori italiani.

Rispondi