Eileen e il Sogno Velathri

eileenEileen e il sogno di Velathri è l’episodio che segue il romanzo d’esordio Eileen e il Salice del Tempo (Zephyro Edizioni,2008), di Elena Stefania Pietra, vincitrice del Premio Valtenesi narrativa per ragazzi.

Questo romanzo per adolescenti ci riporta in un mondo fantastico in cui le dimensioni spazio-temporali della vita degli umani scompaiono per fare posto alla magia e agli incantesimi e all’eterna lotta tra il bene e il male, protagonista di ogni racconto fantasy che si rispetti.

Eileen viene consegnata dai genitori alle zie nel mondo degli esseri umani per tenerla al riparo dalla perfidia della fata Nimue.

«Era trascorso circa un anno da quando Eileen, in una fredda giornata invernale come quella che stava nascendo, aveva scoperto di essere una fata, una fata del tempo.»

La storia inizia un anno dopo le vicende raccontate in Eileen e il Salice del Tempo. Tutto sembra tranquillo quando strani incubi notturni iniziano a tormentarla: un essere orribile prende forma da una piccola pagliuzza argentata. Sono puri e semplici sogni o premonizioni?

Nel frattempo nella città etrusca di Velathri arriva l’arrogante Charun, un Cepen (sommo druido) che non ispira simpatia bensì preoccupazione di tutti, e non a torto.

Eileen, durante un consiglio degli Anziani, esprime la sua convinzione che le visioni in qualche modo la riguardino. Non può assolutamente starsene a guardare, e decide pertanto di partire per Velathri. In che modo la fata Thanaquil e la custode dell’acqua Vetusta condividono la sua sorte? A che cosa andranno incontro Eileen, la sua fedele gattona magica Peete e i suoi amici seguendola nel suo viaggio nel tempo? Quali lunghi e complicati incantesimi dovranno sfoderare per far fronte al perfido Charun e riportare la pace in una città dominata dalla paura e dall’insicurezza?

Amicizia, amore, mistero, magia, spie nascoste nei luoghi più impensabili e inaccessibili sono altri ingredienti di questa seconda avvincente avventura della giovane fata.

Rispondi